Cara Agnese Renzi, sono una tua collega e ho voglia di dirti...

Cara Agnese Renzi, sono una tua collega e ho voglia di dirti una cosa

47
CONDIVIDI

Cara Agnese, Ti do del tu perché potresti essere mia figlia e perché come te sono un’insegnante, o per meglio dire un’insegnante in pensione.

Stamattina appena sveglia ti ho visto accanto al tuo consorte scendere dalla scaletta dell’aereo che ti ha portato negli States e ho subito pensato alle tante docenti di ruolo o no che devono presentarsi in classe, malgrado i tanti problemi della vita di ogni giorno. Tu, Agnese, sei una docente come gli altri e, missioni all’estero o no di tuo marito, dovresti andare a scuola perché hai un lavoro da svolgere e per questo sei pagata.

Lascia perdere queste mondanità, credimi tutta bardata e lookata come una Kate Middlenton qualsiasi non hai credibilità e non sei un buon esempio per i tuoi alunni.

agnese renzi

Incontrare persone famose e, presumo interessanti, sarà senza dubbio prestigioso per te, in quanto potrai aggiungere una nuova figurina al tuo album personale, ma non ne vale la pena. Tutti ti avrebbe applaudito se questa mattina ti fossi presentata a scuola con i soliti jeans e le scarpe da tennis. Ti auguro comunque un buon soggiorno.

Maria Grazia Galimberti

Un appunto: Kate e’ la moglie del futuro re d’Inghilterra, rappresenta la corona e……usa gli aerei di linea.

da: orizzontescuola.it

47 COMMENTI

  1. Egregia Signora,
    sa quanto se ne importa la Agnese delle sue considerazioni?
    Non se lo fa passare neanche per l’anti camera del cervello.
    Hanno solo la faccia tosta di far finta di nulla

  2. Signora Mariagrazia…le ricordo che si lavora x vivere e non si vive per lavorare! Sono un’insegnante anche io da venti anni e qualche volta ho preso anche io giorni di ferie, come la Sig.ra Renzi, è un nostro diritto…è nel nostro contratto!. Poi quello che uno vuol fare in quei giorni non deve interessare a nessuno: fare shopping, dormire, una crociera o una cena alla Casa Bianca!
    Nessun supplente è stato pagato, perché dovrebbe sapere che le scuole non nominano più i supplenti, ma ci sono ore a disposizione x coprirsi a vicenda ormai….ma forse è in pensione da molto e non lo sa.
    Quindi evitiamo di fomentare cretinate!
    Cordiali saluti…

    • Spero che i miei figli non abbiano mai un’insegnante come lei. Dovrebbe rendersi conto che l’insegnante non è un mestiere come un altro. Se voleva prendersi ferie e permessi a piacere avrebbe dovuto cercare un impiego alle poste. Dovrebbe venire prima il diritto dei suoi alunni di avere un’insegnate presente. Dopotutto fate già due mesi e mezzo di vacanze durante l’estate. Come nessun altro lavoratore!!

      • La moglie del Presidente del Consiglio(premetto che mi stanno entrambi sullo….stomaco)in quanto tale,può piacere o non,in certe occasioni svolge un ruolo Istituzionale e quindi fare dei paragoni con gli altri insegnanti é semplicemente stupido se non patetico e,qualunque altra cosa venga detta e/o scritta sa di dietrologia.Che poi,possa piacere o meno come persona sono fatti assolutamente personali,ma questa è un’altra cosa;e,ripeto:personalmente mi sono antipatici entrambi anche perché certamente io non l’ho votato acché andasse a prendere il posto del presidente del consiglio!

        • Sottoscrivo ogni parola di Rosaria, e vorrei tra l’altro rispondere al signor Andrea che consiglia di cercarsi un lavoro alle poste per prendersi ferie e permessi a piacere. Lavoro in posta e sappia che con uffici composti da uno o due dipendenti è difficilissimo prendersi anche solo un giorno di ferie che non sia ampiamente programmato. Non stiamo sempre a guardare nel piatto degli altri e sputare sentenze. Le ferie e i permessi sono un diritto. Per la Signora Renzi come per qualsiasi altra persona. E non appigliatevi sempre ai due mesi di vacanza degli insegnanti, cercate di guardare oltre il vostro naso.

    • Cara collega, la mia ex Ds non concedeva quasi la malattia figuriamoci i 6 giorni di ferie, che non sono un diritto ma discrezionali del dirigente… l’Agnese è nell’anno di prova, come fa ad assentarsi?!? Se è pagata, è una truffa, se non lo è è interruzione di servizio… nel mio anno di prova, quasi al termine dell’anno scolastico ebbi la fortuna di rompermi un piede, mi toccò andare a scuola col gesso e le stampelle…

    • Perdoni, signora Rosaria, ma le “cretinate” che menziona non sono affatto quelle dell’articolo. Ella scrive che le scuole non nominano più i supplenti? La sua affermazione è errata, cara signora. Da quando le cattedre sono state saturate a 18 ore, non ci sono più ore a disposizione per sostituire i colleghi assenti. L’organico potenziato può essere usato parzialmente per le sostituzioni, ma il Ministero chiede in numerosissime circolari di utilizzarlo su progetti e sportelli pomeridiani e non appunto per supplire docenti assenti. Le rammento, inoltre, che le ferie durante il periodo di funzionamento della scuola NON sono un nostro diritto: sono concessi 3 giorni più 6 giorni di ferie per GRAVI MOTIVI DI FAMIGLIA; oppure sono concessi 6 giorni di ferie a discrezione del Dirigente Scolastico, SOLTANTO SENZA ONERI PER IL MINISTERO (cioè soltanto se non si determini la necessità di pagare un supplente). A me non importa se la prof. Landini in Renzi si sia recata negli USA con un’aspettativa non retribuita, con un contratto di lavoro part-time, con giorni di ferie per gravi motivi di famiglia, con un certificato di malattia, per aggiornamento in lingua inglese, visto che la insegna, o per altro ancora. Mi preme, tuttavia, che non si diffondano notizie errate circa i nostri diritti sindacali e, appunto, le ferie non sono per noi docenti fruibili in qualsiasi momenti dell’anno o a nostra discrezione. Le consiglio vivamente di rileggersi in proposito il testo del Contratto Collettivo nazionale di lavoro vigente.

    • Lei è veramente una vergogna, la fotografia del tipico assenteista comunista buonista che con le spalle coperte da contratto se ne frega di tanti suoi colleghi precari ma soprattutto del valore che dovrebbe avere il lavoro scelto, non vorrei mai che mio figlio crescesse con un’ insegnante del genere. Complimenti.

    • Ma degli alunni nessuno si pone il problema? Queste continue assenze istituzionali non saranno pagate per coprire le ore, ma di certo sono ore perse, butttate via, infruttuose per gli studenti .Se poi essi sono all’ultimo anno di scuola, qualche domanda in coscienza bisognerà farsela o no? O la Buona Scuola è tale solo per alcuni insegnanti un pò più privilegiati??

    • riconosco che la moglie di un presidente del consiglio dei ministri abbia incarihi istituzionali o pseudo tali e non possa astenersi da stare al fianco del marito in simili occasioni. Nulla da ridire, però, anche per la continuità didattica degli alunni che le sono stati affidati, sarebbe stao più dignitoso mettersi in aspettativa senza stipendio (e senza perdere il posto, casomai un domani dovesse servire il suo reddito per mandare avanti la famiglia.. non si sa mai..). Tutte le assenze che dovrà fare le saranno concesse perchè moglie di Renzi, come accade alle mogli dei Questori che insegnano e he quando i mariti vanno a dirigere una nuova Questura , sono trasferite d’uffico nella scuola più prestigiosa e centrale della città. Certo non se ne vanno a pranzo da Obama, ma il ruolo del proprio marito ha il suo peso. Per la Landini, sarebbe stato un buon segnale un periodo di aspettativa, spero breve, fin chè il marito avesse ricoperto questa carica (spero per breve tempo ancora).

    • La Prof.sa Galimberti ha fatto una precisazione sottile… e di conseguenza intuibile a pochi…

      Nessuno contesta i giorni di ferie.. ma…

      “Lascia perdere queste mondanità, credimi tutta bardata e lookata come una Kate Middlenton qualsiasi NON HAI LA CREDIBILITA’ E NON SEI UN BUON ESEMPIO PER I TUOI ALUNNI.”
      “Tutti ti avrebbe applaudito se questa mattina ti fossi presentata a scuola con i soliti jeans e le scarpe da tennis.”

      Essere insegnante è una missione… e ricordo che in Giappone sono gli unici a non dovere l’inchino all’imperatore!

      Concordo, purtroppo, con quanto detto da Giacomo…

      Cara Rosaria, come diceva il grande Tatò, se hai figli, non mandarli a scuola… lasciali sguazzare nell’ignoranza…

      Alvaro, il silenzio a volte è di una finezza incredibile!

      Saluti

  3. Anch’io sono un insegnante in pensione e vi assicuro che anch’io mi sarei messa in aspettativa a 0 stipendio.Non facciamo inutili prediche.

  4. che polemica sterile e inutile. essere First Lady è un ruolo “istituzionale”. Questa donna è andata a far valere il nostro paese, a creare rapporti, alleanze, collaborazioni. trovo ridicole queste opposizioni, soprattutto dalle altre docenti. Questa insegnante aveva il sacrosanto diritto di andare li e anche il sacrosanto dovere di esserci. Io avrei voluto avere un’isnegnante così e poter dire di aver ricevuto un’istruzione da una che è stata a cena con Obama. E Basta suuuuu!

    • Sono una docente in pensione da un anno dopo quasi 40 anni di servizio e sono indignata per tutte le polemiche sterili e inutili sul viaggio “istituzionale” della moglie di Renzi. Non sappiamo di cosa ha
      usufruito per allontanarsi tre giorni dalla scuola, ma sono certa che ha rispettato le clausole del C.N.
      Mi viene spontaneo chiedermi come mai non ci scandalizziamo dell’abuso di molti colleghi della 104
      per poi incontrarli al centro commerciale o ai mercatini? Oppure vogliamo parlare dei maltrattamenti da parte di alcuni docenti nei confronti di alunni indifesi? Ecco , a tal proposito, mi vergogno di far parte di questa categoria, mentre sono orgogliosa che una collega ci rappresenta a livello internazionale.

  5. Le ferie che noi docenti possiamo prendere sono a discrezione dei dirigenti ; a noi
    È stata fatta richiesta di cercare di non “attaccarle” al fine settimana. A volte occorre una certificazione per “gravi motivi”.
    Certo che quando si sposa ciecamente un partito politico non si tollera niente e nessuno che possa fare una critica e si diventa in un attimo maleducati. Forse perché lo siamo già .
    Gli italiani sono famosi per questo è per i privilegi dei politici e dei loro familiari

  6. Io ho scoperto quasi due anni fa di avere una grave malattia rara degenerativa del midollo osseo che mi ha dato, mi dà e (purtroppo) mi darà grossi problemi… sono a casa intervallata da pochi mesi di rientro in servizio da quasi due anni, sono la FANNULLONA del mio istituto comprensivo… vergognati Agnese Renzi, a morire tocca a me…

  7. Quindi signora Galimberti Se fosse capitato a lei nel corso della sua carriera di essere indicata con suo marito ad un viaggio istituzionale dal presidente degli Stati Uniti d’America lei sarebbe rimasta in classe? Ma ci faccia il piacere

  8. Cara Signora, mi perdoni ma ci vedo un tocco d’invidia in questo suo scritto. Sono un’educatrice di sostegno (ex educatrice di nido) e per lavoro tutti i giorni sono a contatto con il personale educativo/ scolastico e le assicuro che in tutta la mia carriera ho visto alcune persone presentarsi puntualmente tutti i giorni al lavoro ed era come se non ci fossero stati.

  9. Signora , mi perdoni ma ci vedo un tocco d’invidia nel suo scritto. Sono educatrice di sostegno (ex educatrice di nido) e sono, per motivi di lavoro a contatto tutti i giorni con personale educativo/scolastico e le assicuro che nella mia carriera ho visto alcune persone presentarsi al lavoro puntualmente tutti i giorni ma era come se non ci fossero stati.

  10. Non ci sono più gli insegnanti di una volta..e questi 3 commenti ne sono la prova vivente del perché l intelligenza e la cultura stanno svanendo!!

  11. Ma capite che esistono degli obblighi di protocollo internazionale che superano l’ordinaria gestione delle cose?non ci ricordate che il presidente Scalfaro andava nelle missioni ufficiali accompagnato dalla figlia Marianna e lo stesso l’attuale Mattarella?La signora Agnese è, che piaccia o no, la moglie del presidente del consiglio del nostro paese ed ha in questo ambito degli obblighi extra vincolanti,non è in viaggio di piacere ma di stato,deve anche lei rappresentarci possibilmente al meglio.

  12. Quando Roberto Vecchioni – molto più spesso di Agnese Landini – abdicava alla lezioni e al suo giorno di lavoro a scuola per le varie tournee canore, non mi pare di aver visto queste sollevazioni, tanta indignazione e tanta severità nel richiamo ai propri doveri.
    Fermo restando la mia disistima per Matteo Renzi, credo tutta questa livorosa polemica semplicemente pretestuosa.

  13. Le ferie sono un diritto sacrosanto di ogni lavoratore. Insegnanti o no. Nella sua lunga carriera non ha mai preso un giorno di ferie per essere con suo marito in un momento per lui importante? E se non ha marito i suoi giorni di ferie li ha sempre presi solo per lei e mai per accompagnare qualcuno, a cui teneva, da qualche parte? Se ponessi questa domanda a chiunque sia nel mondo del lavoro la percentuale di risposte affermative sarebbe altissima. E allora perché quella donna non avrebbe dovuto farlo? Perché le è antipatica personalmente o solo perché le è antipatico il marito? Anche a me non è simpaticissimo Renzi, ma non mi verrebbe mai in mente di criticare la moglie, che fra l’altro non ha assoluramente un approccio invadente e presenzialista nella vita pubblica del marito, solo perché ha deciso che era giusto accompagnarlo in una visita così importante. Inoltre, visto che l’invito era anche per lei, sarebbe stato assolutamente scortese non accettare semplicenente per conservare quei 2 giorni di ferie solo per riposare.

  14. Quindi ci possono andare solo le donne ricche che possono permettersi di non lavorare? non è una conquista che possa andare anche una normale insegnate?

  15. “Però la professoressa in pensione” non ha detto quante volte nella sua vita lavorativa ha mandato il certificato medico perché non aveva voglia di andare a lavorare (come la maggior parte dei dipendenti statali)? Comunque questa morale viene fuori perché ci sono persone che più di tanto nella vita non hanno saputo costruire, si sono accontentati dello stipendio statale, ma,allo stesso tempo hanno una sorte di gelosia nei confronti delle persone che nella vita hanno scelto di rischiare per avere qualcosa in più degli altri. Premetto… non sono del PD, ma non sopporto le persone false moraliste…

  16. Sono un’insegnante e penso che la signora Renzi abbia fatto molto bene a seguire il marito in questa circostanza. Pensi come sarebbe stata snob se avesse scelto di rimanere a scuola. La signora fa molto bene a voler mantenere il suo posto da insegnante, che le dà indipendenza come donna, ma in questo momento della sua vita è la moglie di un premier e giustamente segue il marito quando la sua presenza è richiesta.

  17. Lookata? MiddleNton? TUTTI TI AVREBBE APPLAUDITA?
    Lei non ha le basi per scrivere in modo corretto: che vergogna, che ignoranza, che invidia livorosa. Lasciate in pace questa donna che ha il DIRITTO di andare in ferie quando le pare e di lavorare in pace senza sentirsi in debito con nessuno.
    Ormai si da voce a quasiasi sciacquetta si senta in diritto di criticarla, anche a questa semianalfabeta che ruba la pensione.
    Torni a scuola ma DA ALLIEVA.

  18. Anche io avrei voluto che l’insegnante di sostegno nominata nella scuola frequentata da mio figlio si fosse presentata al lavoro invece di mettersi in aspettativa garantendo a se stessa il diritto allo studio ma di fatto negandolo a tutti i ragazzi H della scuola che non è riuscita a trovare un solo supplente disponibile in nessuna graduatoria

  19. Carissima prof. Non so se quello che ho letto è vero, nel caso lo fosse la pregherei di occuparsi delle sue cose e non venga a dire stupidaggini dato che abbiamo già giornalisti e politici che vi avvelenato l anima tutti i giorni

  20. Ma fategli godere questi momenti di gloria che tanto sarà l ultima volta e poi la dinastia Renzi va a casaaaaa! !! e spero non si facciano più vedere

  21. Continuo a leggere una quantità imbarazzante di banalità. Spero che mio figlio non debba mai incontrare una persona così stupida, ottusa, ignorante e mentalmente inferiore come chi ha scritto questo articolo. Una persona che dovrebbe, coprendo un ruolo importante, conoscere le dinamiche della politica, l’importanza della rappresentanza all’estero, l’esistenza ampiamente abusata da tutti i suoi colleghi delle ferie, dei permessi, delle assenze giustificate.

    Ora, l’unico sentimento che traspare da questa raccolta di banalità, è una sola: a lei, cara Maria Grazia Galimberti (le do del tu, visto che lei fa lo stesso con la moglie del Primo Ministro), rode incredibilmente il culo.

  22. È pazzesco come l’odio politico offuschi le menti di persone cui ho affidato i miei figli per farne futuri cittadini. Vi prego di farmi sapere dove insegnate che se per caso siete nel plesso scolastico dei miei figli li porto immediatamente in un’altra scuola. Da un Insegnante (con la I maiuscola) mi aspetto serenità di giudizio e capacità di giudicare i fatti per quelli che sono e non per come vorrebbe fossero. Voi invece vi rodete nell’odio e nell’invidia, perché voglio vedere se una di voi fosse stata invitata alla Casa Bianca avreste rifiutato per il bene degli alunni. Vogliamo parlare degli insegnanti che sfruttano tutte le pieghe dei regolamenti per ovviare al loro dovere? Dei sindacati degli insegnanti che non vogliono il giudizio per merito? Abbiate almeno la decenza di tacere, fareste un buon servizio a chi quotidianamente è costretto ad ascoltarvi.

  23. Forse è meglio che lo segua più spesso suo marito…tra qualche mese non sarà più nessuno e le toccherà tornare ad insegnare … e qualche volta potrà osservare il mappamondo della scuola. .. AMARCORD!

  24. Brutta roba l’invidia eh? Chi non lo avrebbe fatto? ho dipendenti che si fingono malati per una partita dell’Italia … vista alla tv… figuriamoci per un invito alla casa bianca! e se io avessi un invito alla casa bianca sarei pazza a non andarci. E poi di quanti giorni parliamo? 2 o 3… forse 4? quanti giorni di sciopero fate all’anno voi insegnanti? E li fate sempre di venerdì… o lunedì… o magari quando c’è un ponte perché fa più comodo ehhhh. Perché non scioperate mai di mercoledì?
    E quante ferie fate in un anno? da metà giugno a metà settembre, guardate che la gente normale matura 33,6 giorni di ferie in un anno…ora più ora meno…e non le può mica prendere tutte di fila!

  25. La maestra di mio figlio si è assentata tre giorni per andare al matrimonio del nipote in Basilicata. Per me ha fatto bene perché è un evento unico.
    Forse sarà capitato anche a lei o forse non ha mai chiesto un giorno di permesso in tutta la sua carriera, ma mi spieghi la differenza con quanto ha fatto la Signora Landini, Signora Galimberti. Ah, la maestra in questione è moglie di un notaio e non avrebbe bisogno di lavorare, ma non rinuncia alla sua carriera e noi ci reputiamo fortunati perché è bravissima e gli alunni la adorano.

  26. Non è certamente un male che la prof. Galimberti sia in pensione. Mi dispiace per i discenti, i maturi cittadini di domani, dei colleghi della prof che ragionano sulla sua stessa lunghezza d’onda… E’ proprio vero che non è un caso se il livello di educazione civica e di preparazione istituzionale è al “minimo storico” in questo Paese.!.

  27. Gentile Signora Maria Grazia Galimberti, Insegnante in pensione, non sia così severa e conservi ancora quel senso di comprensione e solidarietà che avrà certamente speso durante la sua carriera. Un poco di distrazione va concesso alla povera Agnese, anche se un poco fuori dalle righe, che ha in carico quel marito, poveraccia. E questi sono ancora momenti felici, immagini quando, dopo il 4 Dicembre, il Matteo tornerà, come promesso, a casa. L’ Agnese è terrorizzata !

LASCIA UN COMMENTO