Le mappe concettuali sono un importante strumento inclusivo

Le mappe concettuali sono un importante strumento inclusivo

0
CONDIVIDI

Prima di tutto: che cosa sono le mappe concettuali ?

Una mappa è essenzialmente una rappresentazione grafica che serve per comunicare delle informazioni.

La mappa del tesoro serviva ai pirati per scovare il luogo dell’isola deserta in cui era sotterrato il forziere con l’oro. La mappa geografica ci serve per orientarci in un territorio e trovare così il percorso ideale per la nostra destinazione.

Una mappa, perciò, deve riuscire a trasmettere informazioni chiare e dati utili. Partendo da questi presupposti, è facile anche definire una mappa concettuale: essa non è altro che una rappresentazione grafica (un disegno schematico, un quadro riassuntivo) di un ragionamento che abbiamo fatto e che vogliamo comunicare agli altri, evidenziando almeno tre aspetti:

a – l’oggetto del nostro ragionamento
b – i concetti che vogliamo evidenziare
c – il percorso del ragionamento e i legami fra i concetti espressi

Appare subito evidente la valenza formativa e didattica dello strumento “mappa concettuale” che “costringe” chi la prepara a riflettere sulle proprie conoscenze, a correlare le idee e i dati a disposizione, a sforzarsi di essere preciso e chiaro nella comunicazione.

Ovviamente i gradi di complessità della rappresentazione a mappe dipendono molto dall’argomento affrontato, dalle conoscenze a disposizione di chi la realizza e dalla sua età mentale. Ma il valore didattico dello strumento sta proprio in questo: nell’essere uno strumento di rappresentazione del pensiero utilizzabile dalle elementari fino all’università.

Con la differenza che, spesso, risultano più chiare e comunicative le mappe costruite dai bambini e dai ragazzi, rispetto a quelle, troppo complesse ed elaborate, dei professori e degli specialisti (che tendono ad essere così esaurienti nei legami fra i concetti…da rendere la mappa troppo “ramificata” e di difficile lettura!).

mappe concettuali

Perché è importante usare le mappe concettuali a Scuola ?

PER RENDERE CONSAPEVOLI DELLA COMPLESSITA’ DELLE CONOSCENZE

La costruzione negoziata di mappe concettuali può formare e sviluppare la consapevolezza della complessità con cui sempre più ci si confronta e far acquisire strumenti per governare questa molteplicità d’informazioni attraverso operazioni di interpretazione, organizzazione e connessione capaci di farla significare.

PER COMBINARE RIGORE STRUTTURALE E LIBERTÀ DI ADATTAMENTO

Le mappe rappresentano un argomento attraverso un grafico che evidenzia la scala gerarchica delle informazioni. Sono quindi un valido strumento per i docenti perché rappresentano la chiarezza schematica di una spiegazione, ma lasciano allo studente la libertà di un adattamento conoscitivo, soprattutto permettendo piena libertà espositiva in sede di verifica.

PER ATTUARE UNA DIDATTICA INCLUSIVA

Le mappe costituiscono un orientamento preciso per i ragazzi nel seguire le lezioni, un recupero facilitato di percorsi di studio in caso di assenze, permettono un orientamento chiaro senza dover affrontare la lettura di intere pagine per conoscere gli aspetti essenziali di un argomento. Diventano la base fondamentale per la costruzione di una propria personale mappa cognitiva: la necessità di sapere ciò che si deve sapere è indispensabile in presenza di disturbi severi.

PER UNIFORMARE IL METODO IN CLASSI COMPOSITE

Le mappe fungono da facilitatore del docente che si trova ad affrontare classi composite, ricche di diversità e di ragazzi con problemi di apprendimento differenti.

La strutturazione gerarchica delle informazioni, la definizione da parte del docente del percorso per una conoscenza approfondita, la proposta di uno schema che faciliti la decodifica di un testo, costituiscono un metodo valido per le differenti componenti del gruppo scolastico.

Quanti tipi di mappe esistono ?

MAPPE MENTALI

Sono rappresentazioni grafiche della conoscenza, basate sulle idee di un dinamico psicologo cognitivista,Tony Buzan, che consentono di fare associazioni rapide attorno a un concetto centrale.

• Per le mappe mentali la conoscenza è nei concetti.
• Esse sono molto indicate per lo sviluppo della creatività e impiegano:

– Tipologia di relazione: semplice (concetti legati tra di loro con due soli tipi di relazione: subordinata (padre-figlio) o correlata (fratello-fratello)
– Codice grafico: immagini, icone, simboli e oggetti grafici
– Una logica associazionista: ciò che lega i concetti è la loro associazione a proprietà, idee, pensieri (è una logica non lineare, intuitiva, emotiva, che si può immaginare appannaggio dell’emisfero destro del cervello)
– Una geometria radiale: i nodi si sviluppano a raggiera a partire da un concetto centrale
– Una struttura gerarchica: la posizione dei concetti ne indica l’importanza

MAPPE CONCETTUALI

Le mappe concettuali sono un potente strumento conoscitivo di matrice costruttivista, fondato sulla teoria che un contenuto da apprendere è tanto più significativo per un soggetto quanto maggiore è la relazione che lo lega alla sua struttura cognitiva, vale a dire a ciò che quel soggetto sa già.

• Per le mappe concettuali la conoscenza è nelle relazioni tra concetti.
• Esse sono molto indicate per lo sviluppo e la verifica dell’apprendimento e impiegano:

– Tipologia di relazione: complessa (concetti legati tra di loro da relazione di qualunque tipo).
– Codice linguistico: proposizioni formate parole (concetti e relazioni); di solito non impiegano immagini o altri oggetti grafici.
– Una logica connessionista: ciò che lega i concetti è una relazione orientata, definita, esplicita (logica lineare, razionale, che si può immaginare appannaggio dell’emisfero sinistro del cervello).
– Una geometria reticolare: i nodi si sviluppano ad albero a partire da un concetto generale che risponde a una domanda focale; la disposizione ad albero non è comunque obbligatoria: si può usare anche la struttura a raggiera.
– Una struttura inclusiva: dal generale al particolare, dal sovraordinato al sottoordinato, ecc.

MAPPE COGNITIVE

– Sono la rappresentazione grafica di ciò che un soggetto conosce di un argomento.
– Hanno struttura reticolare e seguono il modello connessionista.
– Ai docenti sono utili per conoscere i prerequisiti e progettare strategie adeguate.
Agli studenti per riorganizzare le proprie conoscenze e acquisire consapevolezza dei percorsi logici e cognitivi (metacognizione).

MAPPE STRUTTURALI

– Rappresentano le relazioni che si stabiliscono tra i concetti principali individuati in un’unità informativa di fonte autorevole e di dimensioni e complessità variabili (paragrafo, capitolo, libro, pagina web, ecc.)
– Sintetizzano e mostrano la struttura dell’informazione sostituendo l’unidirezionalità del testo con la multidirezionalità connettiva della rappresentazione grafica.
– Hanno struttura verticale o reticolare e seguono un modello connessionista.
– Sono utili:
– per la comprensione e/o verifica di argomenti di studio
– come strumenti di supporto per l’esposizione orale
– come ponte che agevola il passaggio dall’oralità alla scrittura
– come strumenti per organizzare e memorizzare il materiale di studio
– come strumenti per progettare strutture cognitive complesse (ipertesti, multimedia)

Segnalo delle letture interessanti che riguardano le mappe concettuali:

Il prodotto è stato acquistato perché ne si necessitava per un corso sui DSA. Ha risposto appieno alle richieste. Se ne consiglia l’acquisto a docenti e tutor che vogliano saperne di più su come redigere mappe concettuali per una didattica inclusiva al massimo in tutto il contesto classe.Un'insegnante

Libro molto interessante, strutturato e molto chiaro, con anche esempi di applicazioni. Interessante la sua lettura per l’introduzione al programma CmapTools per costruire mappe concettuali. Valido sia per la didattica, che per la riabilitazione ed il potenziamento. Consigliato a chiunque voglia approfondire un metodo per aumentare le capacità di analisi e sopratutto di sintesi, con una strategia trasversale.Un'insegnante

È un libro preziosissimo! Di solito mi capita di leggerne così 1 su 100. Quando leggo cerco sempre qualcosa che mi offra nuovi strumenti, nuove possibilità. Era tempo che cercavo uno strumento così e con questo libro mi sento di avere a disposizione un salto di qualità per la mia vita professionale, ma anche quella privata. Il mind mapping è uno strumento eccellente per elaborare l’incredibile mole di dati che ogni giorno elaboriamo e sintetizzarli. Penso che d’ora in poi lo userò tantissimo e anche il software imindmap che ho provato mentre leggevo è semplicissimo.Un genitore

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO