“Non hai versato il contributo volontario? Per te la Scuola è chiusa”....

“Non hai versato il contributo volontario? Per te la Scuola è chiusa”. L’incredibile nota di una Scuola

0
CONDIVIDI

Scuola primaria di mio figlio, 8 anni, il consiglio d’istituto ha deliberato che i bambini che non pagano la “quota progetti” non parteciperanno alle attività con gli esperti in orario curricolare, saranno divisi dai loro compagni e smistati in altre classi.

Lo scopo è quello di individuare i genitori inadempienti, per qualsiasi ragione, ed “educarli” attraverso l’esclusione dei figli. Io trovo il principio aberrante di per sè e gravemente lesivo dei diritti dei bambini. Non tutti sono d’accordo con quanto da me sostenuto, pur essendo confortato, inoltre, dal parere autorevole dell’USR a cui mi ero rivolta per un chiarimento di natura tecnica.

contributo volontario

Questa è la circolare emanata dalla scuola,cito testualmente ” i versamenti sono volontari” data la gratuità della scuola pubblica e ” in ogni modo il contributo non potrà riguardare lo svolgimento di attività curricolari”. Nella Scuola di mio figlio, laddove, per motivi che non siano necessariamente quelli economici, i genitori non pagano, a pagarne le colpe sono i bambini. Non si va mai, insomma al nocciolo del problema, i continui tagli, ma si curano, in modo grossolano i sintomi.

1) Quota obbligatoria di € 7,00 per l’assicurazione individuale per RC e infortuni (in assenza della quale non è possibile effettuare uscite e gite didattiche), nonché per la copertura delle attività motorie e di gioco
2) Quota di € 18,00 “sostenitore della classe” per acquisti di materiale (per la scuola secondaria include l’acquisto del “Libretto scolastico personale”), finalizzati all’ampliamento dell’offerta formativa.
Si fa presente che la somma volontaria viene ogni anno utilizzata per acquistare materiale didattico per le classi/sezioni. Anche quest’anno la somma a disposizione verrà assegnata alle sezioni/classi, proporzionalmente alle quote versate. Ogni mancato versamento ridurrà quindi le possibilità di ampliamento dell’offerta della classe/sezione.

Inoltre è richiesto il versamento della quota di 15 euro per i bambini degli ultimi due anni delle scuole dell’infanzia e di 30 euro per gli alunni della primaria.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO