Scuola dell’infanzia aperta la sera per garantire la libera uscita ai genitori

Scuola dell’infanzia aperta la sera per garantire la libera uscita ai genitori

0
CONDIVIDI

I tempi cambiano e così, di pari passo, anche i bisogni.

In Brianza è partito un progetto che coinvolge ben 11 asili nido che, a partire dal mese di novembre, garantiranno il servizio di accoglienza per un venerdì al mese, anche la sera, dalle 19.30 alle 22.30, al costo di 15 euro.

Pigiama party dunque per i bambini e libera uscita per i rispettivi genitori, i quali potranno concedersi un po’ di relax, affidando i propri figli agli educatori che se ne occupano già di mattina.

A Milano, Anita Pirovano, consigliera comunale di Sinistra x Milano, aveva inserito l’ambiziosa iniziativa nel suo programma di maggio. Tale progetto denominato “Se potessi avere un venerdì al mese” ha dato vita ad un dibattito molto acceso tra la Pirovano e il mondo della Scuola: “Quando avevo fatto la mia proposta avevo avuto riscontri non certo positivi dal mondo della scuola – spiega la consigliera – mentre molti neo-genitori mi avevano sostenuta: il nido aperto di sera, per dieci volte all’anno, sarebbe un modo per fare innovazione in uno dei settori più tradizionali dei servizi comunali”.

scuola-infanzia

I genitori trovano spesso molta difficoltà a riprendere in mano la propria vita sociale, in seguito alla nascita dei figli, soprattutto se non hanno la possibilità di essere aiutati nell’accudimento attraverso il supporto dei nonni, magari lontani. Esistono già i nidi privati a pagamento aperti la sera, ma l’obiettivo è quello di migliorare i servizi offerti dal Comune, rendendoli accessibili a tutti.

Chissà se anche nel Comune di Milano si riuscirà a dare seguito a tale progetto, intanto vediamo come andrà in Brianza!

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO