Vi spiego cos’è veramente il Disturbo Oppositivo Provocatorio

Vi spiego cos’è veramente il Disturbo Oppositivo Provocatorio

20
CONDIVIDI

Di seguito elencherò le caratteristiche fondamentali del Disturbo Oppositivo Provocatorio (DOC)

– Il comportamento adottato da questi ragazzi è contraddistinto dalla negatività, dalla provocazione, ostilità e disobbedienza verso tutte quelle figure dotate di autorità;

– Perché si parli di “disturbo” questo atteggiamento deve persistere per almeno 6 mesi e deve prevedere l’insorgenza di almeno uno dei seguenti comportamenti: opposizione o rifiuto di rispettare le regole, compiere deliberatamente azioni che provocano fastidio agli altri, scaricare la colpa del proprio cattivo comportamento sugli altri, essere collerico,dispettoso o vendicativo;

– Questi atteggiamenti devono manifestarsi con molta più frequenza rispetto a quanto si osserva in soggetti di pari età e sviluppo e devono comportare una significativa compromissione del funzionamento sociale. Questo tipo di comportamento diventa solitamente più evidente con l’ingresso a scuola, quando aumentano le richieste di adattamento alle regole e quando ogni adulto pretende il rispetto di regole diverse;

– Il soggetto affetto dal DOP non è contento del suo modo di essere. Le opinioni che gli altri hanno di lui sono tenute in grande considerazione e per questo soffre molto. Si considera un incapace e pensa di non essere adatto per avere amici e per essere amato;

– Soffre perché si sente rifiutato dall’esterno ma, nello stesso tempo, sa di essere lui stesso la causa del suo isolamento. Questo comporta un grande senso di colpa accompagnato da livelli molto bassi d’autostima. A volte si aggiungono dei Disturbi dell’Umore;

– Mettono continuamente alla prova le persone che conoscono e che gli stanno accanto, sfoderando tutto il loro repertorio di comportamenti ostili. Cercano un conferma di amore e accettazione nonostante tutte le loro provocazioni e la loro convinzione di non essere degni del vostro amore;

– Attuano in qualche modo la “profezia che si autoadempie”: pensano che chiunque gli si avvicini per amicizia ben presto cambierà idea lasciandoli da soli e quindi attuano tutti quei comportamenti che portano alla conferma di questa idea. Possiamo riscontrare alcuni “errori educativi”. Li chiamo errori perché si configurano come comportamenti da evitare in quanto possono facilitare l’insorgenza o il mantenimento di condotte oppositivo-provocatorie;

– Eccessivo permissivismo. Spesso, per calmare le sfuriate del ragazzo, si tende ad essere troppo accondiscendenti ma la mancanza di regole definite impedisce di capire quali saranno le risposte dell’adulto e le conseguenze alle sue azioni;

– Incoerenza nelle punizioni. Lasciarsi condizionare dal proprio stato d’animo lo disorienta. È necessaria chiarezza e trasparenza. Ricordiamoci inoltre che esagerare nelle punizioni non farà altro che confermare la modalità di relazione aggressiva;

– Iperprotezione. Il controllo genitoriale eccessivo ostacola la crescita del bambino. Può reagire con atteggiamenti di ribellione e sfida dell’autorità.

disturbo-oppositivo-provocatorio

Dopo aver visto cosa NON fare, di seguito analizziamo le BUONE PRASSI:

Stilare di comune accordo, e far rispettare, poche regole ma ben chiare che tutti dovranno osservare evitando, ove possibile, l’accezione negativa (es.: “camminare lentamente” invece di “non correre”);

Preferire i rinforzi positivi ai rinforzi negativi, ossia le punizioni. A volte vengono forniti in modo corretto ma seguendo un lasso temporale causa-effetto troppo distante. Per essere efficace il rinforzo deve essere dato entro un lasso di tempo minimo;

Erogare delle punizioni solo per comportamenti molto gravi (danno verbale o fisico agli altri). Punizioni che non dovranno mai essere in forma fisica;

Preferire ad una punizione (punire = fare qualcosa di poco piacevole) la perdita di un privilegio (es. la lezione di nuoto, l’uscita con gli amici);

Quando possibile, ignorare i comportamenti provocatori del bambino. In questo modo andremo a sottrarre ai suoi gesti il rinforzo derivante dal dargli attenzione. Ricordiamoci che l’attenzione è proprio l’unica cosa che vogliono e sono certi di catturare. Non dando peso ai loro comportamenti li lasceremo “spiazzati” e capiranno che non è quella la modalità più giusta per ricevere attenzioni. Se potete fornitele quando si sono calmati, in modo da rinforzare l’idea che sia quello il comportamento giusto da adoperare per essere notati positivamente;

Instaurare una modalità comunicativa con il bambino in cui andremo a spiegare le motivazioni per cui la sua condotta viene considerata inaccettabile, suggerendo dei comportamenti alternativi che avrebbe potuto attuare in quella situazione. Ogni comunicazione deve essere il più possibile chiara e semplice. Non deve contenere giudizi sulla persona (altrimenti rischieremmo di andare ad incidere ancora più negativamente sulla sua bassa autostima). Teniamo sempre ben presente, infine, che siamo noi i modelli sui quali tutti i ragazzi plasmano il loro atteggiamento.

Pertanto, se vogliamo che adottino stili comunicativi non aggressivi, dobbiamo essere noi i primi a non cadere in tale trappola. Imparano dal nostro esempio più che dalle nostre parole.

20 COMMENTI

  1. Forse dovresti andare a zappare…più facile che aiutare un bambino perchè uno cosi…è una persona non una cosa….cambia lavoro

  2. ma devi essere proprio crudele e ignorante per fare un commento del genere. cavolo un bambino DOP STA MALISSIMO DENTRO . poi non puo nemmeno spiegare e capire cosa prova.

  3. “Se ti capita uno così”come dice con scarso tatti Lucia …hai solo da dimostrare che sai lavorare,che sai amare,che sai gestire degli esseri umani,che hai i figli di qualcuno che li ama infinitamente li affida a te e che lotta x loro,affinché superino tutto questo e diventino uomini o donne splendidi che un giorno forse aiuteranno altri splendidi bambini.

    • Li ama infinitamente? Tutti gli oppositivi che ho avuto vengono da famiglie di separatidopo grandi conflitti o di adulti poco cresciuti, guarda caso…

    • Non sono d’accordo su “chi li ama infinitamente”. Tutti gli oppositivi che ho avuto io sono ed erano, guardacaso, figli di separati dopo lunghi conflitti, oppure di genitori poco cresciuti, come ce ne sono tanti. Non nego che ci sia amore infinito, ma è trasmesso molto male. Dove c’è amore c’è sempre serenità.

  4. un insegnante 99 su 100 non è in grado di fare niente, è improbabile che le reazioni e gli interessi di una figura che fà parte in modo così marginale alla sua esistenza lo influenzi.
    c’è da andare alla radice del problema che nelle probabilità sopra cictata è dovuta alla famiglia.
    e con tutta sincerità voglio vedere quanti si prendono la briga di farsi carico di cercare migliorare la vita privata di un alunno.
    e un genitore che genera questo tipo di “sindrome” in un figlio. non si peritano neanche di guardarli negli occhi.

  5. Mi rivolgo a Lucia (primo commento) e a me (commento delle 12:08 -11 ottobre).
    Sono coinvolta personalmente e vi posso assicurare che i vostri commenti sono alquanto pietosi.
    Ho 2 figli, noi genitori siamo sempre gli stessi eppure solo il secondo mi ha dato questi problemi.
    Fare i genitori non è semplice e non sai mai cosa è giusto o meno nonostante l’esperienza di un altro figlio. Ma di una cosa sono sicura: ormai fare l’insegnante è divento uno dei tanti lavori che si fanno per arrivare forse a fine mese.
    Non so se siete insegnanti o meno ma spero che nessuno di questi bambini possa trovarsi mai tra le vostre mani per qualsiasi motivo.

    Scusate lo sfogo e l’intervento forse poco gentile

  6. Mi piacete tanto e trovo molto interessanti e pertinenti i vostri articoli! Ecco perché mi permetto di farvi notare una piccola imprecisione nel vostro articolo. La parte in “imputata” è:
    “… Preferire i rinforzi positivi ai rinforzi negativi, ossia le punizioni…”
    In questa frase sembra che il rinforzo negativo e le punizioni siano la stessa cosa o che le punizioni siano contenute nella categoria dei rinforzi negativi, ma irrealtà non è così. Anzi questi termini in ambito comportamentale hanno dei significati ben precisi che sarebbe lungo qui spiegare e potrebbe creare molti fraintendimenti per chi non tratta l’analisi comportamentale. Ad ogni modo sarebbe opportuno modificare la frase magari limitandosi a dire che bisogna “…preferire i rinforzi positivi alle punizione perché i rinforzi “insegnano” nuovi comportamenti funzionali, mentre le punizioni possono solo limitare la frequenza di alcuni comportamenti disfunzinali…”
    Un saluto e complimenti ancora per il lavoro che fate!!

  7. Pienamente d’accordo con Francesco. A mio parere la perdita di un privilegio è anche un rinforzo negativo e, per esperienza, non sempre efficace.

  8. Nel caso di un adolescente, che dopo lo sviluppo abbia manifestato i sintomi descritti, cosa si può fare? A chi si devono rivolgere i genitori?

  9. io sono stato costretto a cambiarlo di scuola per colpa di insegnanti come il primo commento. ..
    posso solo dire spero che non capiti a loro
    è una vergogna per la società che ci troviamo e spero che il ministro dell’istruzione faccia un Po di pulizia

  10. Prima di interagire col bambino bisogna cercare di capire chi sono i genitori x lui,cosa gli hanno insegnato,i valori che ha ricevuto dagli stessi. Solo conoscendo loro si potrà capire cosa manca al bambino x potersi liberamente relazionare col mondo fuori. Se concentriamo tutta la nostra attenzione sullo stesso e poi quando è a casa il nostro lavoro viene smontato dai genitori tutto risulterà inutile. Ripeto,bisogna educare i genitori.

LASCIA UN COMMENTO